Programma di riferimento regionale di Epidemiologia Ambientale

Potenzialità e limiti degli studi di epidemiologia ambientale

Potenzialità e limiti degli studi di epidemiologia ambientale

Dalla presentazione di casi-studio a considerazioni di carattere generale sul potenziale informativo degli studi di epidemiologia ambientale sui loro limiti e su come, in parte, sia possibile superarli.
mer 28 settembre 2016

L’evento formativo intende affrontare con gli operatori dei Dipartimenti di Prevenzione e quanti si occupino di sanità pubblica una riflessione sul percorso logico con cui approcciare la pratica lavorativa quotidiana e fornire le abilità di base per valutare criticamente gli aspetti di costruzione, analisi ed interpretazione degli studi di epidemiologia ambientale, indispensabili per discernere la qualità dello studio e leggerne correttamente i risultati.

Scarica il Programma dell'evento

Epidemiologia: nozioni di base; obiettivi e metodi

Prof. F. Donato, Università degli Studi di Brescia, Unità di Igiene, Epidemiologia e Sanità Pubblica - intervento (pdf 2,7Mb)

Vantaggi, limiti e prospettive degli studi ecologici in epidemiologia ambientale. Analisi di due casi-studio della realtà italiana

Prof. F. Donato, Università degli Studi di Brescia - Unità di Igiene, Epidemiologia e Sanità Pubblica - intervento (pdf 7Mb)

Il caso ILVA - TARANTO. Aspetti sociali, ambientali, sanitari ed epidemiologici

Dott. S. Minerba, ASL Taranto, Struttura Complessa per l’Attività Statistica Epidemiologica - intervento (pdf 18Mb)

Altri corsi di formazione

Personale

Personale

Informazioni sul personale del Progetto

Comitato scientifico

Comitato scientifico

Informazioni sul comitato scientifico del progetto

Rete dei referenti

Rete dei referenti

Informazioni sulla rete dei referenti del progetto

Aree Tematiche | Dati Statistici | Formazione | News | Informazioni | Epidemiologia Ambientale © 2016 | Ultimo aggiornamento: 12/10/2016